Hotel di 15 ville di Oscar de la Renta nella Repubblica Dominicana

Hotel di 15 ville di Oscar de la Renta nella Repubblica Dominicana

Oscar De La Renta S 15 Villa Hotel Dominican Republic

Questo articolo è apparso originariamente nel numero di marzo 2008 di Architectural Digest.

Sembrava irresistibile. A un congresso sindacale a Miami nel 1969, ad alcuni delegati fu offerto quello che sembrava il più grande affare da quando Peter Minuit acquistò l'isola di Manhattan per 24 dollari. Trenta miglia quadrate, con sei miglia di spiagge incontaminate e incontaminate, sulla sponda orientale della Repubblica Dominicana, un volo facile da New York e un volo ancora più facile da Miami. Duecentomila erano più di quanto pagava Peter Minuit, ma poi questo pacco era più grande di Manhattan, e nei Caraibi non c'è bisogno di spalare la neve.



Un accordo del genere era troppo buono per rinunciare e 40 dei presenti alla convention hanno acquistato una quota. Nessuno ha messo più di 10.000 dollari. Poi, nei mesi che seguirono, l'entusiasmo lasciò il posto alla realtà. A cosa servivano le spiagge perfette se non c'era modo di raggiungerle? Il loro enorme pezzo di terra - si chiamava Punta Cana - non aveva strade, piste di atterraggio o porti naturali. Potrebbe anche essere stato su Marte. 'Abbiamo scoperto che non valeva quello che abbiamo pagato', dice Theodore Kheel, che aveva organizzato l'acquisto.

'Volevamo un piccolo gioiello di un hotel. Volevamo qualcosa che fosse comodo, a cui la gente tornasse.'

Sentendosi responsabile della disavventura, Kheel, che per molti anni è stato uno dei principali mediatori del lavoro del paese, ha comprato coloro che esprimevano delusione. Nel 1970 assunse Frank Rainieri, un giovane domenicano sfacciato, per cercare di trasformare Punta Cana in un resort. Come la maggior parte delle imprese ambiziose, era più facile a dirsi che a farsi. La neonata località è stata così travagliata per così tanto tempo - per sette anni non c'erano soldi per lo stipendio di Rainieri - che Il giornale di Wall Street pubblicò persino una storia in prima pagina prendendola in giro. Il vero successo è arrivato dopo, con la costruzione di un aeroporto e del PuntaCana Hotel da 355 camere.

Ma è stato l'arrivo nel 1997 di due nuovi soci e residenti, Oscar de la Renta e il suo amico Julio Iglesias, che ha davvero messo Punta Cana sulla mappa. Iglesias ha portato la visibilità di una pop star internazionale. De la Renta ha portato il suo stile distintivo. 'Oscar ha aggiunto una dimensione molto importante', afferma Kheel. 'È uno dei migliori designer del mondo e la gente viene da lui per il suo buon gusto'.


1/ 8 ChevronChevron

Abbiamo cercato di lavorare il più possibile con materiali nativi, afferma il designer. Le ville si affacciano su un tratto di spiaggia privata di due miglia sui Caraibi. C'è un senso di quiete e pace nei dintorni, dice de la Renta. Ha progettato il patio e le sedie a sdraio.


Quel buon gusto è in mostra a Tortuga Bay, un piccolo ma elegante hotel che è stato aperto alla fine del 2005 e che ora è, per i vacanzieri sofisticati, l'attrazione principale di Punta Cana. 'Volevamo un piccolo gioiello di hotel', afferma de la Renta. “Volevamo qualcosa che fosse incredibilmente comodo, a cui le persone tornassero e di cui parlassero ai loro amici. Vogliamo rendere Tortuga Bay il luogo più esclusivo dei Caraibi.'